Fotografia di matrimoni con droni: vantaggi e le considerazioni

Chi non ha mai giocato con una bella macchinina radiocomandata da bambino? Il ricordo potrà anche essere vivo ma ne è passato di tempo, e la tecnologia ha fatto passi a dir poco da gigante: oggi con un joystick si possono comandare dei veri e propri prodigi dell’ingegneria meccanica. Stiamo parlando chiaramente soprattutto dei droni, ormai uno strumento irrinunciabile nel campo della fotografia e delle riprese video. 

Questi mini-elicotteri radiocomandati svolazzano nei cieli di tutto il mondo, forieri di divertimento, sequenze video professionali, ma anche di morte e distruzione nei teatri di guerra. Uno strumento che attraversa la nostra vita in maniera trasversale e che, tra i suoi impieghi più positivi, trova ampio spazio nella fotografia matrimoniale. A questo proposito, nel seguente articolo andremo ad illustrare, grazie anche ai consigli del fotografo esperto Emiliano Allegrezza come un drone può davvero rendere unico il reportage del giorno del tuo fatidico sì!

Un drone al tuo matrimonio

Se vuoi un matrimonio da favola le cui immagini sopravvivranno alla prova del tempo, in grado di far morire d’invidia i tuoi amici con i loro album tradizionali già impolverati, l’impiego di un drone potrebbe davvero essere la mossa giusta. E no, il fai da te non è l’opzione consigliabile. Partiamo fugando alcuni dubbi: secondo la normativa italiana bisogna essere in possesso di una patente UE per droni per poterne maneggiare uno, nonché avere più di 16 anni. Dando per scontato che il tuo matrimonio avrà luogo quando avrai già compiuto la maggiore età, focalizziamoci sul primo punto. 

Le patenti per droni sono diverse e si differenziano in base alle categorie di questi ultimi, che cambiano per grandezza e peso oltre che prestazioni. Anche se tu ne ottenessi una, acquistare un drone prestante in grado di effettuare riprese professionali non è un investimento da tutti. Ricordiamo, inoltre, che per pilotare un drone bisogna tassativamente astenersi dal consumo di alcool per evitare incidenti spiacevoli, una circostanza a dir poco inverosimile nel giorno del tuo matrimonio. Pertanto, il consiglio migliore è quello di affidarsi a professionisti del settore muniti di tutte le autorizzazioni necessarie. Tra queste, ne evidenziamo tre in particolare.

Il termine tecnico per indicare un drone è ‘APR’, ovvero aeromobile a pilotaggio remoto. È essenziale che il professionista incaricato possieda tutti i requisiti legali necessari, quali la avvenuta registrazione presso ENAC e un regolare attestato di pilota APR autorizzato, nonché una dichiarazione o autorizzazione ENAC (per Operazioni Critiche) in corso di validità. Inoltre, è fondamentale che il drone sia integro ed assicurato regolarmente. I professionisti degni di questo nome sono perfettamente muniti di tutte le documentazioni per poter far decollare la propria macchina fotografica in sicurezza nonché al corrente delle normative vigenti per l’utilizzo degli APR. Oltretutto, potranno offrirti i migliori strumenti altamente tecnologici ed allo stato dell’arte per delle riprese davvero mozzafiato. 

Prezzo e altri aspetti da considerare

I droni sono davvero l’ideale per catturare la bellezza del tuo evento, i fiori, i colori, la location in tutta la sua magnifica essenza che prende vita in questa giornata d’amore e di promesse. I droni, nonostante le altezze considerevoli che riescono a raggiungere, possono riuscire a strappare anche scene sorprendentemente intime da prospettive a dir poco uniche. Tuttavia, ci sono dei piccoli aspetti da considerare: tra il rumore del motore e quello delle eliche, i droni possono essere piuttosto rumorosi. A seconda di quando il fotografo li utilizza, possono distrarre e non poco gli invitati. Attenzione inoltre! Alcune location vietano l’uso dei droni. Se ottenere riprese spettacolari con i droni è una tua volontà, ricorda di farlo presente ai proprietari della struttura per verificare se vi sono politiche o restrizioni di cui dovresti essere a conoscenza.

La tecnologia, si sa, è in costante sviluppo e diventa ogni anno più sicuro e più economico affittare questo tipo di attrezzatura “aerea”. Il costo minimo indicativo per ingaggiare un operatore professionale dovrebbe aggirarsi intorno ai € 250,00, solitamente per un impegno di una a quattro ore in scenari non particolarmente difficoltosi come lo sono le location abituali dei matrimoni, che spesso hanno luogo in ville con spazi piuttosto estesi. Per una giornata di riprese aeree durante il proprio matrimonio (chiesa e location), il prezzo medio è di € 450,00. Oltre a questi, tuttavia, potrebbero esserci altri costi relativi all’attrezzatura. Questo prezzo può altresì aumentare se dovesse rendersi necessario utilizzare più di un drone o richiedere autorizzazioni speciali. 

Parla di questi dettagli molto attentamente in fase di contrattazione e di preventivo, e ricorda: se vedi un prezzo troppo basso, potresti essere di fronte ad una truffa. Nessuno vuole strapagare questo servizio, né affidarsi a operatori di droni improvvisati che ti restituiranno riprese davvero pessime. 

Non sei ancora convinto? Affittare un drone è il modo migliore per riuscire a riprendere il tuo matrimonio da una prospettiva diversa. Se il tuo evento avrà luogo in una villa d’epoca, dagli scenari mozzafiato e dagli spazi sconfinati, allora il drone dovrebbe essere un must. Si tratta di un investimento per alcuni impegnativo che valorizzerà però praticamente tutti gli altri: quelli per la location, per la scenografia, per i vestiti e per le decorazioni, garantendovi dei ricordi bellissimi (visivamente ed emotivamente) che dureranno per tutta la vita.